vienna

Ho scoperto Vienna in estate molti anni fa e me ne sono innamorata, al punto di decidere di restarci a vivere!

Avendola scoperta in estate ho potuto apprezzare i suoi lati versatili, i suoi paesaggi, la sua luce diversa da quella della mia Puglia, e imparato a portare sempre una giacca antipioggia con me!

Ci sono molte cose che si possono fare a Vienna nella bella stagione. Se decidi di trascorrere le tue vacanze primaverili o estive ti consiglio di visitare la capitale asburgica da maggio in poi. Per i tuoi itinerari cittadini e o nella natura ti consiglio queste tappe e attività.

Offerta culturale in estate

A Vienna non si vive molto per strada o in piazza. Questo concetto manca un po’ nello stile di vita austriaco. Però, almeno in estate, grazie ad alcune manifestazioni o concerti è possibile godersi la città anche all’aperto.

Il quartiere dei Musei – MuseumsQuartier

A maggio si apre ufficialmente la stagione estiva nella piazza tra i due musei, il Leopold Museum e il MUMOK.  La piazza di MQ, il quartiere dei musei, resta ancora un punto di riferimento per i giovani che si incontrano per chiacchierare, far festa, bere una birra seduti sui famosi Enzi, delle panchine molto particolari che cambiano colore ogni anno. Inoltre questa piazza offre la possibilità di “incontrare” alcuni degli artisti di maggior rilievo tra cui Egon Schiele, presente nel Leopold Museum. Souvenir e gadget di design possono essere acquistati nello shop del MQ. Questo punto è molto centrale, vicino alla strada dello shopping, la Mariahilfer Strasse, non molto distante dal Ring (la strada circolare che delinea il centro storico e che percorre le vecchie mura della città) e da Karlsplatz.

Concerti ed eventi all’aperto

La città di Vienna offre alcune manifestazioni culturali e musicali all’aperto completamente gratuite. Da fine giugno ai primi di settembre, ai piedi del municipio di Vienna, il Rathaus, si tiene il Film Festival. Uno schermo gigante proietta spettacoli recenti di opera e operetta, musical e concerti di musica rock e jazz. Tutto gratuito! A far da cornice intorno alla piazza gli stand gastronomici con cucina locale ed internazionale.

Un vero e proprio festival con undici palchi e circa 600 ore di programmazione organizzato dalle radio locali, porta ogni anno dei cantanti e band internazionali sul palco del Donauinselfestival. Ad essi si alternano band locali, dall’indie rock alle canzoni viennesi e austriache, cosidette Schlagermusik (spiegare). Non mancano mai gli omaggi a Falco.

A fine luglio c’è un concerto gratuito in piazza a Karlsplatz, il Popfest dedicato alla musica pop, rock e hip hop di band locali. Sul canale del Danubio, il Donaukanal  nel mese di maggio ci sono diversi palchi con musica dal vivo, artisti di strada, tantissime persone e gente seduta su ogni fazzoletto d’asfalto libero sulla banchina del canale. La manifestazione di chiama Donaukanlatreiben.

Attività estive

Vienna non ha il mare ma non per questo è impossibile trascorrere un’estate piacevole, fare il bagno e prendere la tintarella.

Fare il bagno anche senza andare al mare: il Danubio

Il Danubio non ha il colore che lo ha reso noto nel famoso walzer di Strauss “An der schönen blauen Donau ”, ma in alcuni punti può essere pulito e dare un senso di refrigerio a chi decide di andare a fare un bagnetto. Vienna in questo è ben organizzata. Si può acquistare una tessera mensile da usare nelle varie piscine della città, alcune delle quali con accesso diretto alle sponde del Danubio. La mia preferita è la spiaggia Gänsehäufel.

Piscine comunali

Per chi non ha tempo e la possibilità di andare al Danubio, e preferisce andare a fare il bagno senza investire tutta la giornata, Vienna offre piscine comunali in ogni distretto.

Per chi la sabbia non ce l’ha

Anche in questo Vienna è ben attrezzata. Puoi prendere il sole, con una birra o un cocktail in mano, e avere della sabbia sotto piedi pur essendo in pieno centro. Lungo il canale del Danubio, in Donaukanal ci sono locali e bar che ricreano la sensazione di essere al mare. Alcuni di questi hanno scelto anche dei nomi appropriati: il bar Adria e Tel Aviv Beach sono tra i più frequentati.

vienna

Escursioni in città

Se non sei venuto a Vienna per fare il bagno, perchè insomma, non era proprio nelle tue aspettative ti consiglio di visitare queste ville e giardini.

La Hermes Villa si trova all’interno della riserva naturale Lainzer Tiergarten, dove la famiglia imperiale andava a caccia. Tra natura e animali si trova la villa che Francesco Giuseppe aveva regalato alla sua sposa, l’imperatrice Elisabetta, meglio nota come Sissi.

Se invece vuoi scoprire cosa si trova sulle colline viennesi, spero ti piaccia anche il vino. Vienna è difatti una delle tre capitali europee ad avere dei vigneti ancora in città. Ti consiglio quindi di andare a passeggio per vigneti e alla ricerca delle varie cantine, e osterie tipiche, dette Heurigen. Alcune tra le più famose e visitate sono le tenute di Cobenzl, Mayer am Pfarrplatz, Wieninger, Schilling, Fuhrgassl-Huber. Le colline sono divise in diverse zone a seconda dei distretti. Quelle meno conosciute si trovano al di là del Danubio, a Stammersdorf o Strebersdorf. Visitale per provare la specialità enologica viennese chiamata Wiener Gemischter Satz.

Gite fuori porta

Se vieni a Vienna puoi combinare qualche escursione al di fuori dei confini cittadini . Ti consiglio di visitare la valle della Wachau, per gli sportivi la ciclabile del Danubio offre dei percorsi bellissimi. Se invece vuoi uscire un po’ dai confini austriaci Vienna è collegata molto bene alle sue “gemelle”: la città di Bratislava e Budapest che per alcuni versi la ricordano nello stile e nell’architettura, ma che hanno un fascino “orientale” tutto loro.

Se invece hai la sfortuna di beccare la settimana d’estate piovosa, non pensare che la tua vacanza sia stata vana! In tedesco si dice che questo è un Museumswetter, che le temperature sono quelle giuste per rinchiudersi in un museo, e Vienna ne ha davvero tanti. Non sto ad elencarli: vi dico solo che il 2018 è dedicato al Modernismo Viennese con mostre speciali su Klimt, Schiele, Moser e Wagner.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *