Berlino è la capitale mitteleuropea per eccellenza, la città che ha sempre fatto parlare di sè nel bene e nel male.

Berlino è. Punto.

In questo post non vi darò consigli utili o informazioni per un viaggio a Berlino. No, nulla di tutto ciò.

In questo post vi porto a scoprire una Berlino con il cuore di chi le zone fredde del Nord non le ha mai molto amate ma, dopo un attento viaggio se ne è dovuta tornare con un’idea totalmente diversa. Vi do una prospettiva diversa dal solito turista.

Ditemi la verità: quando dico Berlino cosa vi viene in mente?

Per i politicanti la Merkel, per gli artisti il muro di Brandeburgo e per tutti la Grande Guerra e la Guerra Fredda.

Ma a pochi viene in mente quanto questa città sia un tripudio di emozioni, sensazioni, sapori contrastanti tra loro! Avete mai provato a guardavi attorno mentre siete seduti sulla metro? Avete visto quanti sguardi diversi, quanti profumi diversi vi passano affianco?

Berlino l’ho conosciuta come tutti: una capitale dell’orrore dove l’uomo ha dimostrato di saper far del male a se stesso ed ai suoi simili.

Proprio per questo sui libri di storia l’ho evidenziata in rosa sinonimo di sangue, guerra, lotte, tristezza.

Il punto sta proprio qui: l’ho studiata, non l’ho mai vissuta.

 

Mi sono sempre detta che il viaggio cambia le idee, le prospettive. Mette a repentaglio ogni singolo giudizio e se ne esce come i vincitore di nuove conoscenze e punti di vista.

Cosa dire quindi? Perché visitare Berlino?

Perché durante il mio viaggio ho sentito il freddo degli inverni lungo la via contrassegnata da pali di ferro, testimoni di ciò che resta di una separazione. Ho provato solitudine di fronte a case ancora grigie e cupe al margine di una Berlino nazista. Ma ho provato gioia nel vedere bimbi di diverse nazionalità scambiarsi sorrisi alla fermata del Bus. Ho provato piacere nell’assaggiare crauti e Kartoffen.

Ancora ho conosciuto una Berlino dolce ed amara nello stesso tempo, ho visitato luoghi dove la storia dei Paesi vicini rappresentano un punto fermo in questa città, ho potuto vivere in una città che per molti è sinonimo di paura. Ho ammirato la capacità di cambiare, di voler rinascere e di volersi farsi ammirare nella sua totale bellezza.

Quando vi trovare qui, non guardate la cartina, non aspettare la fermata.

Andate, cambiate, innamoratevi dei particolari, del grigio e dei colori. Assaggiate il gusto del diverso e ritrovatevi in quello locale. Lasciatevi alle spalle la storia, le dicerie e tutto quello che ingenuamente la nostra mente impara e conserva.

Quando siete a Berlino ritrovatevi negli spazi comuni, guardate le foto dei vostri genitori o amici scattate nel medesimo punto. Immergetevi nel letto e sottolineato in una guida famosa. Amate il saper orientarvi nelle strade che avere visto nei siti. Siate cittadini, non turisti.

Questo perchè Berlino è così: tutto e niente. Questo perché Berlino per me è una città dalle mille emozioni!

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *