100%italia

Si è chiusa con oltre 37.000 visitatori la mostra itinerante tra Varallo Sesia, Vercelli e Novara sul Rinascimento di Gaudenzio Ferrari e, visto il grande successo di pubblico, il Piemonte continua a fare proposte di mostre d’arte che facciano muovere i visitatori tra le diverse città della regione: è il caso di 100%Italia, una mostra sull’arte del Novecento, esposta a Biella, Vercelli e Torino in sette sedi diverse.

100%Italia racconta gli ultimi cento anni di arte italiana, dal primo Novecento al giorno d’oggi attraverso oltre 600 opere degli artisti considerati capisaldi della cultura internazionale. Si inizia con Biella, dove a Palazzo Gromo Losa (a Biella Piazzo, raggiungibile con una bella e rinnovata funicolare gratuita che parte da un ampio parcheggio altrettanto gratuito) è esposto il primo Futurismo. I nomi sono importantissimi come Filippo Tommaso Marinetti, Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Giacomo Balla e molti altri. Non solo quadri, ma soprattutto carte, lettere, disegni, pubblicazioni dell’epoca e tante parole in movimento che rendono questa sezione strepitosa. Sempre a Biella si prosegue al Museo del Territorio Biellese (bisogna scendere a Biella città) con il secondo Futurismo (1920-1944). Qui una sezione importante sull’Aeropittura racconta l’evoluzione di questa corrente dopo la Prima Guerra Mondiale.

L’occasione è perfetta per poi visitare la città con i suoi gioielli d’arte (da non perdere gli altri palazzi del Piazzo, Palazzo Lamarmora e Palazzo Ferrero, mentre in città bassa non possono mancare le visite alla chiesa di San Sebastiano e l’antico battistero) e le tante tradizioni produttive, oggi spesso trasformate in archeologia industriale, della lavorazione della lana.

Passando a Vercelli, la sede è l’inaspettata e bellissima ARCA, una struttura contemporanea costruita nella navata centrale della ex chiesa agostiniana di San Marco.

Sulle sue pareti stanno tornando alla luce affreschi gotici meravigliosi. Qui con un De Chirico ricercato e difficilmente visibile al pubblico (le opere arrivano tutte da collezioni private e fondazioni) si entra nel mondo di Metafisica e Neometafisica, per concludere il percorso con il Realismo Magico di autori come Casorati, Calderara e Usellini. Vercelli è una vera scoperta, con l’abbazia di Sant’Andrea che l’anno prossimo compie 800 anni, lo straordinario crocifisso del Duomo, datato all’anno 1000, gli affreschi rinascimentali di Gaudenzio Ferrari in San Cristoforo, i musei cittadini e la interessantissima produzione e lavorazione del riso… vale quindi la pena visitarla!

Si prosegue con 100%Italia a Torino

Le sedi sono il Museo Ettore Fico, organizzatore di tutta la rassegna, che ospita le sezioni dedicate a Novecento, Corrente, Astrazione e Informale, con un outside sulla Pop Art; il Mastio della Cittadella, che ospita opere di grandi dimensioni dell’Arte Povera e di Optical, Minimalismo e Arte Concettuale; Palazzo Falletti di Barolo con Transavanguardia, Nuova Figurazione e Internazionalità. In una città che non si può raccontare in due righe e che sta diventando una delle attrazioni turistiche d’Italia.

Una mostra quindi da godersi, esplorando l’arte del Novecento e il Piemonte, dal 21 settembre al 10 febbraio. Se volete farlo con una guida turistica, che vi porti dentro e fuori questi scrigni d’arte, meglio!

La foto di copertina è di proprietà di gaudenzioferrari.it

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *