Bologna e i suoi dintorni sono la meta ideale, in ogni periodo dell’anno, per un week-end tra arte e natura.

In un giorno si può vedere l’intera città mentre in quello successivo si può andare alla scoperta dei bei Colli bolognesi. Prendendo a noleggio un’auto all’aeroporto di Bologna, con il servizio online di TiNoleggio.it, diventa anche più facile e divertente organizzarsi per la gita fuori porta.

Tanta natura e arte nei verdi Colli bolognesi

I Colli che circondano la città emiliana sono ricchi di borghi medievali affascinanti, ma sono anche un punto di osservazione privilegiato per scoprire Bologna dall’alto.

Per esempio dal sagrato della Chiesa Medievale di San Michele in Bosco, che si trova poco fuori Porta Castiglione.

Da lì si gode la migliore vista panoramica della città. Oppure dal parco di Villa Chigi, una tra le più belle aree verdi pubbliche, con molti alberi e varie specie botaniche, situato fuori Porta San Mamolo.

Un luogo incantato, tra natura e arte, è il giardino botanico di Ponte Ronca di Zola Predosa, conosciuto come Ca’ la Ghironda. Nei 10 ettari di parco, in cui vi sono oltre 15.000 specie di piante, sono disseminate più di 200 sculture di artisti contemporanei che, insieme ai dipinti conservati nell’annesso museo, fanno di questo parco uno dei più singolari e affascinanti d’Italia.

Alla scoperta dei piccoli borghi medievali immersi in una rigogliosa natura

I borghi sulle colline attorno Bologna sono uno più interessante dell’altro. A cominciare da Dozza, che è stato inserito tra i 100 borghi più belli d’Italia.

Il centro storico è dominato dal castello fortificato, che fu trasformato in residenza nobiliare da Caterina Sforza.

Oltre ai camminamenti delle torri e allo splendido piano nobile della Rocca sforzesca, è interessante visitare il Centro studi del Muro Dipinto, situato nella stessa struttura.

Dozza, infatti, è noto come museo a cielo aperto, per le opere dipinte sui muri di case, piazze e strade, grazie alla biennale d’arte che vi si svolge da tempo.

Borgo San Pietro, nel comune di Ozzano dell’Emilia, si fregia della vicinanza con il Parco regionale dei Gessi bolognesi e dei calanchi dell’Abbadessa.

Oltre ai resti della torre dell’antico castello, si possono ammirare la Chiesa e le due splendide fontane Delle Armi, del 1400.

Nella frazione di Molinella si trova il borgo di Selva Malvezzi. Come suggerisce il nome il luogo si trova in una zona di selvaggia bellezza, ricca di boschi e piante rigogliose.

L’impianto medievale del borgo contiene la fortezza rinascimentale del Palazzaccio, caduto in parte in rovina. Da visitare anche la casa dei Conti, nota con il nome di Palazzo Comitale e il Palazzo del Governatore.

Il borgo di Monteveglio, infine, è un piccolo gioiello completamente cinto di mura medievali. Vi si accede per una splendida Porta.

L’Abbazia interna in stile romanico, tutt’ora abitata dai monaci, è in parte visitabile.

La Chiesa di Santa Maria Assunta, con importante presbiterio e cripta, fu voluta da Matilde di Canossa a seguito della vittoria su Enrico IV.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *